Le etichette di vino per Ottolini

Il mio progetto per l’azienda agricola Ottolini, che mi ha commissionato la progettazione del design delle etichette di vino.

E’ stato un progetto, che, come risultato finale ha portato ad un etichetta elegante, grazie al buon uso dei colori e ad una buona combinazione dei font, ma andiamo con ordine..E parto raccontando un pò del cliente e di tutta l’idea che c’è dietro al progetto.

Anche una semplice etichetta di vino può avere una storia con processi e procedimenti interessanti..Nonostante questo vino sia stato prodotto da poco tempo.

Il cliente

Prima di partire ed illustrare tutti i procedimenti creativi dietro a questo progetto, vi spiego il tipo di cliente e cosa volevano raggiungere come risultato finale.

L’azienda Agricola Ottolini, nasce da un’idea della Famiglia Ottolini, che pochi anni fa hanno rilervato una proprietà in provincia di Piacenza, nella Pianura Padana…in piena Pianura Padana.

Territorio che, da sempre, è attraversato dal fiume Po ed è stato sempre caratterizzato da una grande storia.

Qui, la famiglia Ottolini ha deciso di intraprendere una produzione propria di vino bianco e vino rosso; questa è stata una grande sfida, dato anche dal fatto che in questa zona ci sono molti competitors e la cultura alimentare, ma soprattutto vinicola richiede certi standard, alti e di qualità.

Oltre alla produzione di vino, hanno deciso anche di produrre anche delle confetture di marmellate, ma principalmente..Il primo passo è stata la produzione di vino.

Nella proprietà piacentina, Ottolini hanno installato anche delle macchine e degli strumenti ideali per fermentare il vino.

Come prima produzione hanno deciso di puntare su vino bianco Chardonnay ed un vino rosso Gutturnio, leggermente frizzante.

Il progetto

Come detto, il progetto è il design di etichette, ma non dovevano essere uguale a quelle più tradizionali.

Infatti il committente ha voluto, non solo un disegno elegante, ma anche un’etichette che non avesse la solita forma tradizionale, ma una che li distinguesse dalla concorrenza.

Il progetto già da subito ha avuto una direzione ben definita, infatti la famiglia Ottolini è arrivata con un’idea ben precisa in tesa, soprattutto per quanto riguarda il disegno.

Sono partito da una conchiglia


i due fratelli Ottolini hanno voluto fin da subitoun disegno che raffigurasse delle conchiglie che hanno ritrovato nel loro terreno. Vicino al Fiume Po.

Questo progetto, mi è piaciuto fin da subito, perchè si aveva un contrasto con elementi di due tipologie di ambiente differenti: pianura e mare.

La pianura dove viene prodotto il vino ed il mare, dove, soliotamente si riescono a trovare più conchiglie..Il soggetto principale del progetto.

Per il vino bianco…

Prima, siamo partiti dall’etichetta per il vino bianco, e da subito..Già dai primi schizzi..Ho cominciato a giocare con forme circolari ed ellittiche.

Le caratteristiche

A fianco si può notare il disegno dell’etichetta per il vino bianco.

Ho cercato di utilizzare una forma semplice ma che desse una sensazione di movimento all’etichetta.

Per questo disegno ho fatto delle scelte ben precise, che sono state indirizzate dal cliente:

  • Le conchiglie che vanno a creare un’ellisse per dare dinamicità al disegno
  • Palette di colori tra marrone e arancio chiaro.
  • Conchiglie stilizzate per non fare un disegno troppo pesante

Questa etichetta è stata la prima realizzata e la prima ad essere messa sul vino, perchè il vino Chardonnnay bianco, è stato il primo dei due ad avere la certificazione di qualità, che è fondamentale per mettere in commercio questo prodotto.

Come primo passo avevo scelto di non inserire delle conchiglie ma delle forme che sembravano delle gocce di vino che andavano a formare un’ellisse.

Semplice, ma non distingueva troppo il disegno da altre etichette. per questo, poi, sono state inserite le conchiglie.

Per il vino Rosso…

L’etichetta per il vino rosso, è stata progettata in un secondo momento, ma anche qui ho deciso di seguire una linea precisa, cambiando il disegno ma sempre con forme circolari e che avessero come soggetto la conchiglia.

Le caratteristiche

Come detto, qui ho cercato comunque di dare una certa coerenza con l’etichetta precedente.

Ma differenziandole, con alcune scelte grafiche.

  • Le conchiglie formano dei cerchi che sono posizionati uno all’interno dell’altro.
  • Le conchiglie sono le stesse ma cambia l’ordine e le posizioni
  • Ho scelto una palette che va da un rosso tendente al magenta, fino ad arrivare a un rosa chiaro.

Per il vino rosso, come detto, si è scelto di produrre un Gutturnio leggermente frizzante e che si abbina perfettamente con piatti di carne.

I due vini sono stati prodotti nello stesso periodo, ma quest’ultimo è stato inserito in un secondo momento sul mercato.

Il risultato finale

Come risultato finale del lavoro, si ha un’etichetta elegante, con un disegno rappresenta al meglio l’identità dell’azienda. l forma dell’etichetta, ‘avvolge’ correttamente la bottiglia di vino.

Come font ho deciso di utilizzare uno stile corsivo per il titolo in primo piano dell’etichetta e un font più geometrico per il font più sotto, per scrivere la tipologia del vino e il nome dell’azienda.

I colori, sono stati sfumati correttamente per dare un’ulteriore senso di dinamicità all’illustrazione.

Come detto, il soggetto della conchiglia, non cambia tra un disegno e l’altro ma ha un composizione diversa.

Anche e ho deciso sempre di lavorare e di fare sempre delle prove seguendo forme circolari o ellittiche.

Nel design finale, chiaramente, cambia anche il colore della carta del collo della bottiglia; ed il vetro della bottiglia.

Infatti per il rosso ho scelto un nero opaco, per dare più contrasto al colore rosso.

Testimonianza del cliente

La Famiglia Ottolini è stata molto soddisfatta del risultato finale, perchè ha rispecchiato in pieno le richieste iniziali, di creare un’etichetta che si distinguesse per la forma e ed il disegno.

Entrambi i vin i sono stati venduti in vari mercati ed ha avuto un buon numero di vendite, grazie alla qualità del vino, ma anche al buon packaging che ha fatto, sicuramente, il suo dovere.

Per quanto mi riguarda, sono stato molto soddisfatto del feedback ricevuto, perchè è stata la prima progettazione di un design di etichette per bottiglie di vino.

Leave a Reply